21 giugno 2006. Giù le mani da Alessandro Magno!

Mi chiama un amico in odor di fascismo e mi dice: “tu che hai studiato il greco, mi dici cos’è successo l’altro giorno a Salonicco? Ci sono stati degli scontri fra i nazionalisti greci e la polizia, ma non sono sicuro di aver capito bene…”. Gli spiego pazientemente che il greco che ho studiato io è quello antico, e che ignoro tutto dei nazionalisti greci — sigle, programmi, ideologie. Lui insiste, e per farlo contento faccio una ricerchina in rete.
Così scopro che in Grecia esiste un raggruppamento nazionalista che si chiama “Alleanza patriottica”, e che in Italia Forza Nuova (FN) ha emesso un comunicato ufficiale di condanna per i fatti accaduti sabato 17 giugno a Salonicco, appunto.

A questo punto, la curiosità ha avuto il sopravvento sulle ragioni lavorative e ho cominciato a leggere. Con un ardito slalom fra una maiuscola e l’altra (ma quante ce ne sono?!?), vedo che la polizia in assetto anti-sommossa ha caricato di brutto questi ragazzotti: ma non vedo il motivo.

Fermo restando che non mi piace la polizia che carica, che provo istintivamente scarsa simpatia per l’autorità e che dei Greci mi frega poco perché sono filoamericani, davvero non capisco: nel comunicato di FN sta scritto che «Alleanza Patriottica aveva indetto una mobilitazione a Salonicco — nel nord della Grecia — per ricordare i fasti della cultura e dell’identità ellenica, magnificamente rappresentati dal Mito di Alessandro Il Grande». Ora, perché FN, che è un raggruppamento profondamente cristianista-cattolico, se la prende tanto a cuore per un gruppo che si rifà a una cosa così “pagana” come la cultura ellenica? Primo mistero.

Secondo mistero: perché una manifestazione culturale volta a celebrare Alessandro Magno dev’essere vietata dalle autorità e dispersa a suon di manganellate dalla polizia in assetto anti-sommossa? Se io domani organizzo una fiaccolata per commemorare Stilicone cosa fanno, mi arrestano?

Mi sorge il dubbio che forse “Alleanza patriottica” non contempli, nel suo programma, soltanto il meritorio intento di rinverdire i fasti dell’impero di Alessandro Magno, e che forse questo è solo un pretesto; e leggiucchiando faticosamente il comunicato in lingua originale mi par di capire che la manifestazione abbia a che fare con i concetti di patria e memoria etnica e qualcosa del genere. Giusto: se sono nazionalisti non ci vedo nulla di strano. Anche se un Impero degno di questo nome tanto nazionalista poi non è… E magari qualcuno si ricorderà pure che Alessandro Magno, conquistata la Persia, avviò una massiccia politica di matrimoni misti…
E allora perché la polizia eccetera eccetera? E perché FN se la prende tanto? E se questi greci fossero sì nazionalisti, ma un tantinello xenofobi e non solo a parole? Altro mistero. Risolvetelo voi.

Leave a comment

Your email address will not be published.

*