Bin Laden: un futuro da olimpionico?

Io non sono un’esperta in discipline sportive, però mi pare che esistano cose come il triathlon, il pentathlon e il decathlon etc.
Ora, vorrei umilmente suggerire a chi di dovere la codificazione di una nuova specialità estrema delle discipline citate, eventualmente da promuovere a livello olimpionico: tale specialità, infatti, mi risulta che venga già praticata benché a livello amatoriale; gli islamici a quanto pare sono fortissimi, e il titolo attualmente è detenuto da Osama bin Laden.
Il quale prima è vissuto in grotta per mesi; poi ha attraversato il deserto su una moto; e adesso è impegnato nella scalata del K2 — almeno a quanto sostengono fonti autorevoli come i servizi segreti americani — continuando ciononostante a esercitare full time pratiche rischiose come il terrorismo in tutte le sue forme. Nel frattempo potrebbe anche essere morto, ma proprio qui sta il punto di forza di questa disciplina così estrema da non piegarsi neanche alle leggi di natura — del resto, come campeggiava nella palestra di un amico mio, «quando il corpo dice “no”, la mente dice “sì”».
Si desume che la specialità in oggetto non contempla limiti di tempo né di età, ma sembra chiaramente assimilabile a una gara di endurance; non viene disputata su campi appositi, ma si richiedono unicamente condizioni proibitive; sono ammessi tutti i colpi e tutte le mosse come in una sorta di valetudo politically uncorrect; non è prevista la parità, ma si procede per eliminazione.
Chissà, potrebbe diventare lo sport del futuro. Provo a contattare il CONI, vediamo che mi rispondono.

P.S.: Mi fanno notare che forse a scappare in moto nel deserto è stato il mullah Omar: fa niente, il titolo resta in casa, per così dire.

12 Comments on Bin Laden: un futuro da olimpionico?

  1. Diego, ho provato a rimediare. Ma mi sa che se vogliono arrestarti ci riescono uguale :-D

    A presto

  2. mi è scappato il nome intero … attendo l’arresto … (-;

  3. … siamo stati infedeli sole alle Olimpiadi sovietiche del 1980 …

  4. Diego, l’Italia partecipa perché dall’8 settembre 1943 è un’alleata fedele…
    Conosco la tua posizione, sì ;-)

  5. Perchè l’Italia non dovrebbe partecipare? Per quale motivo? per dare ulteriore fiato alla propaganda anticinese? Vogliamo salvaguardare i diritti umani in Tibet (mentre non li slavaguardiamo neppure noi) con qualche bella bombetta su Pechino?
    Alessandra, credo già tu conosca la mia posizione in merito, avendo io sottoscritto l’appello di Losurdo e Vattimo. (-;

  6. Grazie, Diego2 :-)

    Per come ci avevano detto che stava, bin Laden non avrebbe potuto neanche partecipare a un giro di gioco dell’oca.
    Quanto alla partecipazione italiana all’evento, non ne sono affatto stupita. Tu sì?

  7. Scusate ho appena letto che aveva già mandato un mess un altro Diego allora ho cambiato “Name” … non vorrei pensaste che ha una doppia personalità dissociata

  8. Da come lo hanno descritto gli americani nel 2001 (in pratica hanno aperto l'”Enciclopedia delle malattie e non” a caso e gli hanno affibbiato mille disfunzioni) non lo farebbero neanche partecipare alle olimpiadi…Tra l’altro cosa ne pensate della partecipazione italiana all’evento???!

  9. Ma figurati. Meglio degli stambecchi :-)))

  10. Ho letto che nel 2001 il governo cinese ha dichiarato Zhongdian, nella regione di Yunnanche confina col Tibet, la vera Shangri-La. Deve spostarsi ancora un pochetto He-man Bin Laden ma credo che per il suo fisico (ma non era moribondo!) non sia un problema.

  11. Dici che invaderanno Shangri-la?

  12. Pensa che io me lo vedo accanto al suo nuovo consigliere strategico: il bigfoot,l’abominevole uomo delle nevi.

Leave a comment

Your email address will not be published.

*