I buoni propositi del vicesindaco Gentilini

In questi ultimi giorni ho avuto un po’ di cose da fare, e così mi sono persa il secondo anniversario della morte di Oriana Fallaci, il cui libro postumo deve aver già debitamente rimpinguato le borse della Rizzoli.
Non è grave, perché tanto le stesse cose che diceva la Fallaci le ha dette anche il vicesindaco di Treviso Giancarlo Gentilini alla festa della Lega Nord di Venezia, il 14 settembre scorso.
Siccome non mi piace soffrire da sola, riporto qui sotto il testo pressoché integrale delle esternazioni gentiliniane: non mi sono inventata niente — non sono così fantasiosa. E riporto scrupolosamente i link per convincervi della mia buona fede.
Di mio ci metto solo che Gentilini parla di vangelo e di decalogo, però di punti ne elenca 11 — sarà l’inflazione, o l’entusiasmo. Non aggiungo altro, perché sono certa che qualunque cosa dicessi incorrerei in qualche reato e non ne ho proprio bisogno, grazie. Buona lettura.

“Popolo della Legaaaa! La Lega si è svegliataaaaaa!
Le mura di Roma stanno crollando sotto i colpi di maglio della Lega.
La mia parola è rivoluzione.
Questo è il vangelo secondo Gentilini, il decalogo del primo sindaco sceriffo. Voglio la rivoluzione contro i clandestini.
Voglio la rivoluzione contro i campi dei nomadi e degli zingari.
Io ne ho distrutti due a Treviso. E adesso non ce n’è più neanche Uno!
Voglio eliminare i bambini che vanno a rubare agli anzianiiiiii! Se Maroni ha detto tolleranza zero, io voglio la tolleranza doppio zero.
Voglio la rivoluzione contro le televisione i giornali che infangano la Lega. Prenderò dei turaccioli per ficcarli in bocca e su per il culo a quei giornalisti. Non li voglio più vedere…
Voglio la rivoluzione contro le prostitute. Anche loro devono pagare le tasse. Tutti pagano le tasse e devono pagarle anche le prostitute.
Voglio la rivoluzione contro quelli che vogliono aprire le moschee e i centri islamici. Qui comprese le gerarchie ecclesiastiche, che dicono: lasciamoli pregare. No! Vanno a pregare nei desertiiiii! Aprirò una fabbrica di tappeti per darglieli ma che vadano a pregare nel deserto.
Bastaaaaaa! Ho scritto anche al Papa: Islamici, che tornino nei loro paesi.

Voglio la rivoluzione contro la magistratura. Ad applicare le leggi devono essere i giudici veneti.
Voglio la rivoluzione contro chi vuole dare la pensione agli anziani familiari delle badanti extracomunitarie. Sono denari nostriiiiii! E io me li tengo. Questo è il vangelo di Gentilini: tutto a noi e se avanza qualcosa agli altri… Ma non avanzerà niente!
Voglio la rivoluzione contro i phone center i cui avventori si mettono a mangiare in piena notte e poi pisciano sui muri: che vadano a pisciare nelle loro moscheeeee!
Voglio la rivoluzione contro i veli e il burqa delle donne. Io voglio vedere le donne in viso, anche perché dietro il velo ci potrebbe essere un terrorista e avere un mitra in mezzo alle gambe. Che mostrino l’ombelico caso mai….
Ho scritto al presidente della Repubblica che bisogna dare un riconoscimento all’usciere di Ca’ Rezzonico che ha vietato l’ingresso alla donna islamica.
Io voglio la rivoluzione contro chi dice che devo mangiarmi la spazzatura di Napoli. Io la prendo e la macino e poi se la devono mangiare loro perché sono loro che l’hanno prodotta! Io non lo tollero…
Io voglio la rivoluzione contro chi vorrebbe dare il voto agli extracomunitari. Non voglio vedere neri, marroni o grigi che insegnano ai nostri bambini. Cosa insegneranno, la civiltà del deserto?
Il voto spetta solo a noi. Ho bisogno del popolo leghista. Queste sono le parole del vangelo secondo Gentilini. Ho bisogno di voi. Statemi vicini. Non voglio vedere questa gente che gira di giorno e di notte. Un abbraccio a tutti, viva la Lega!”.

(tratto da www.peacereporter.net)

3 Comments on I buoni propositi del vicesindaco Gentilini

  1. Vorrei commentare subito i Vostri commenti, Lorenzo e Saverio, ma mi offrite così tanti spunti che ne verrà fuori qualcosa di più, mi sa.
    Grazie ;-)

  2. Come il ” Tenero Giacomo” della settimana enigmistica……SENZA PAROLE !

    raramente si legge qualcosa di più becero e bassamente triviale , è proprio giocare sugli istinti più bassi della Gente…..,ma si vede che funziona cosi per avere il consenso elettorale….

    ma anche questo è destra….etnica….complimentucci per l’alto esempio di spiritualità espressa, un vero Uomo Differenziato !

  3. Sono sincero, non sono del tutto contrario a quello che il Gentilini ha detto alla platea padana, anche se alcune uscite vanno prese così…
    Però è anche inutile tapparsi gli occhi: oggi la Lega riesce a ben catalizzare sentimenti di disagio ed insicurezza ben bene penetrati nell’animo di moltissima gente del Nord nell’ultimo ventennio. Timori fondati o meno fondati? Chissà, però si provano e tanto basta a Bossi e c. per tornare in termini di voti ai livelli del ’92 e del ’96 e per condizionare pesantemente un esecutivo a mio parere già abbastanza sputtanato come quello di Berlusconi.
    Attenzione ad appiattirsi su un antileghismo di inizio anni ’90 rifiutandosi di andare ad indagare su quali sono le radici del suo consenso e quale consistenza esse hanno.

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Ancora su Gentilini: commento ai commenti | Alessandra Colla

Leave a comment

Your email address will not be published.

*