A mente aperta e con grazia

«Il Buddha evidenziò la natura dinamica dell’esistenza. Ciò si accorda con le idee di alcuni antichi filosofi greci, come Eraclito, che affermò che, “tutto scorre” e “non si può mettere piede due volte nello stesso fiume”. Ora, tutto questo suona come ordinario buonsenso; eppure c’è qualcosa nei nostri pensieri ed emozioni che recalcitra all’idea del cambiamento; cerchiamo sempre di spezzettare la dinamica danza del mondo, che è un’unità, in “cose separate”, che poi congeliamo nella ghiacciaia del pensiero; ma la danza del mondo ostinatamente si rifiuta di restare spezzettata e congelata: continua a turbinare, cambiando di momento in momento, e si fa beffe di tutti i nostri penosi tentativi di organizzarla e gestirla. Per vivere saggiamente, in armonia col dinamismo del’universo, è essenziale accettare la realtà del cambiamento e dell’impermanenza. La persona saggia, quindi, va avanti senza difficoltà, con un bagaglio leggero, mantenendo la proverbiale “mente aperta” in tutte le situazioni, perché sa che la realtà di domani non sarà la stessa di oggi. Nello stesso modo avrà imparato l’arte divina di lasciar andare, che vuol dire non attaccarsi alle persone, ai beni e alle situazioni, ma, invece, quando viene il momento di separarsi, permettere che ciò avvenga con grazia.»

(John Snelling, segnalato dal mio amico Joe)

1 Comment on A mente aperta e con grazia

  1. In pratica la filosofia e il modo di pensare che il gesuita De Mello ha cercato di diffondere o che ha comunque indicato durante i propri seminari e attraverso i libri. Evitare l’attaccamento alle cose, alle persone e alle idee, per evitare di diventarne schiavi ed essere programmati. Da buon indiano ma anche (allora ancora) cristiano creò un mix interessante tra le idee propriamente orientali (buddismo) e altre più vicine a noi (cristianesimo): da un po’ di tempo alcuni ne hanno deciso ,in pratica, l’oblio evitando di parlare di lui e delle sue opere.

Leave a comment

Your email address will not be published.

*