Veltroni lascia il PD

Tranquilli. Morto un bischero, se ne fa un altro.

7 Comments on Veltroni lascia il PD

  1. Ora, è perfettamente chiaro. Grazie mille :

    – a Sebastiano:
    In francese, la formula di Alessandra mi fa pensare al proverbio seguente: “Un de perdu, dix de retrouvés„ (“Un Veltroni perso, dieci Veltroni trovati„!) ;

    – a Nicola:
    Non ho tutto capito, se non è la scivolata semantica del senso originale fino al Valter, ma prenderò il tempo di gustare questo sviluppo per mezzo di un buon dizionario;

    – ad Alessandra:
    Bravo, ancora una volta, per la tua conoscenza…,
    come dire,… precisa ed ampia del vocabolario francese, avendo precisato che, se la parola italiana “bischero„ è legato al sesso maschile, la parola francese “connard„ è, da parte sua, legato al sesso femminile (si non esce!). Ma ciò, lo sapevi certamente. Un saluto ed a presto.

  2. No, Alessandra, non è mio referente: c’è qualcosa di suo che mi piace, c’è dell’altro, è vero, più banale. Sì, c’è di meglio…: il ‘tuo’ Ortega y Gasset, Céline, Pound, Cioran, ovviamente Nietzsche… (ciascuno con le sue pecche) e altri che non sto qui a nominare (anche al di là di colori ed ‘etichettature’ varie). È chiaro che ho voluto fare solo un ‘gioco di parole’ (uno ‘spunto’ per pro-vocarti). Sì, lo so (d’altronde sono, ahimé, eclettico): per quanto, in alcuni casi, valga il “sì sì, no no”, in altre situazioni bisogna essere sfumati o, come nel simbolo del Tao, ammettere l’inclusione del no nel sì e viceversa. Insomma, qualche volta essere apodittici è semplicistico e semplicione.
    A proposito, circa il Valter ‘biscotto’ il tuo è un sì tanto pour parler, o un sì tout court? So già la risposta, non t’inquietare… ;-))

  3. per Nicola
    —————-

    Grazie per l’aiuto a Yves, anche se il tuo italiano così forbito probabilmente lo disorienterà ancora di più…

    Che la sincerità non si addica ai politicanti è cosa nota — il “Politico” è ben altro.
    Mi sconcerta invece la puntuale banalità di Gómez Dávila: davvero questo signore così ovvio è un tuo referente?

  4. per Yves
    ——————-
    On peut traduire “bischero” à peu près avec votre “connard”; plus en détail, le mot suggère de façon vulgaire la “petite différence” masculine… ;-)

    A bientôt

    Alessandra

  5. Per Yves,
    un dizionario d’antan così spiega il termine ‘bischero': “legnetto rotondo congegnato nel manico di certi strumenti musicali, per fermarvi le corde di essi e tenderle o allentarle a piacere, girandolo.” Di qui è passato a indicare qualcos’altro (di anatomico) e, di manico in manico, è arrivato nel blog a connotare il Valter.
    Ma io, nel caso in ispecie, più che su ‘bischero’ come sinonimo di ‘scemo del villaggio (globale)’, mi soffermerei su un altro aspetto: c’era qualcun altro che ‘tendeva’ o ‘allentava’ le ‘corde’ che ‘muovevano’ il suddetto? C’era qualcuno che lo ‘girava’, o faceva tutto lui? Alessandra certamente direbbe che tutto questo non le ‘cale’ punto: fatto è che l’è un bischero…
    A proposito, Alessandra, questa è per te – è il solito Gómez Dávila : “Se è sincero il politico non è intelligente, e se è intelligente non è sincero.”
    Che Valter non sia per caso un politico ‘sincero’?

  6. Un vecchio proverbio che si diceva dalle mie parti:
    Cambia molinèr e cambia ‘l làder.
    (Cambia il mugnaio e cambia il ladro)

  7. Cara Alessandra,

    Passo, certamente, nel gruppo 3 dell’Istituto Italiano di Cultura de Paris, ma ho ancora debolezze di vocabolario : cosa è un bischero ?

    Ciao e grazzie per la tua risposta.

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Pd: Veltroni lascia, arriva Franceschini | Alessandra Colla

Leave a comment

Your email address will not be published.

*