Muath ovvero come si muore a Gaza

Muath ha sedici mesi e un tumore al fegato.
Fortunatamente, può essere curato; sfortunatamente, è palestinese. Le autorità israeliane lo tengono bloccato a Gaza, impedendogli di recarsi in Italia, dove un’équipe del Policlinico Umberto I di Roma lo attende per eseguire l’intervento che gli permetterebbe di sopravvivere.
Forse dovremmo ammirare l’imparzialità di Israele, che rifiuta di concedere a un bambino palestinese più chance di un altro — piombo o cancro, Filistei si nasce ma soprattutto si muore nella Striscia delle vergogna.
Forse, invece, dovremmo indignarci leggendo la sua storia.

Leave a comment

Your email address will not be published.

*