Bertolaso non ti pentire!

L’ultima cosa che vorrei è passare per jettatrice — be’, una delle ultime.
Così ieri mi è dispiaciuto moltissimo sentire dell’inchiesta che sta travolgendo Guido Bertolaso, ma mi dispiace di più aver scritto quello che ho scritto a proposito delle dichiarazioni rese dal capo della Protezione Civile all’indomani del cataclisma che ha distrutto Haiti.
Del resto ci vuol poco a fare 2+2, e infatti non sono mica la sola a saper contare sulle dita.
Passanante di lassù mi perdonerà se rivolgo a Bertolaso, critico audace, la stessa esortazione che il popolo rivolgeva a lui, attentatore fallito. Perché ci vuol fegato a fare certe cose.

6 Comments on Bertolaso non ti pentire!

  1. per DIEGO RUGGIANO
    ———————————

    Bentornato, Diego.
    Lei ha ragione: a livello passionale, è legittimo disinteressarsi degli eventi che riguardano Bertolaso. Credo però che sarebbe un errore pensare, tout court, che certe dinamiche in corso non sposteranno di un millimetro la Sua vita o la mia. Perché a mio avviso è tutto concatenato, in modi e nodi che certo sfuggono alla mia conoscenza, da quando l’economia ha il primato su tutto il resto. Marx (che Dio, se esiste e per come esiste, lo benedica) diceva che la condizione del proletario è l’alienazione: a me pare che oggi siamo tutti alienati, poiché il capitalismo, post- o turbo- che sia, ha fagocitato tutte le dimensioni del sociale, e ha vinto il Lumpenproletariat — basta guardarsi intorno per constatarlo. Opinione mia, sia chiaro.

    Grazie di essere ripassato di qui. Le auguro una buona giornata

    a.c.

  2. Non facevo una navigata su questo blog da un bel po’.
    Devo dire che i contenuti sono rimasti sempre di un certo livello.
    Ho avuto anch’io qualche interrogativo sul caso Bertolaso e i suoi tempi, ma confesso che sono stanco.
    Alcuni meccanismi rischiano di essere così sottili che diventano impercettibili agli occhi di un ‘nessuno’ come me.
    Per capirli non si deve lavorare per dietrologie, ma semplicemente essere un secondo più lesti nel valutare gli eventi.
    Qualcuno puo’ aver fatto qualche telefonata per spronare i lavori contro Bertolaso, è vero. Ma io, come altri milioni di giovani nel nostro paese, continuo a ricevere proposte di stage a stipendio ZERO…cosa potrò mai fregarmene di Guido, gli states e le magagne di palazzo?
    Credete non centri nulla l’enorme incertezza del mio futuro con tutto questo? Io inizio, senz’alcun acume, a pensare di si.
    Si combatte sempre meno per le cose che mi riguardano, tra i poveri si fa la politica dei ricchi, perdendo di vista i veri obbiettivi.
    A presto,

    Diego Ruggiano

  3. per LUCA
    ———————————————-
    Non mi esprimo sull’uomo Bertolaso, giacché non lo conosco.
    So benissimo che l’inchiesta è in corso da tempo, ma trovo curiosa questa prontezza — perché non il mese scorso o fra sei mesi?

    Bertolaso non ha “infastidito la Clinton”. Ha fatto di peggio, ci pensi bene.
    E nessuno negli States “ordina” ai giudici di un altro paese, benché “amico” e “alleato”, di fare qualcosa. Funziona in modo molto diverso e infinitamente più sottile. Questo è il tempo delle volpi, non dei leoni.

  4. Per cortesia su e di bertolaso e c. si sapeva già molto , e moltissimo era evidente per chi voleva guardare.
    La questione di haiti-bertolaso è più un colpo di megalomania alla signor b. che il nocciolo del problema protezione civile/regime d’emergenza perpetuo per gli appalti.
    La protezione civile spa era già in cantiere da prima delle chiacchiere su haiti , come bertolaso e c. sapevano , sempre in tempi pre-haiti, che si stava indagando su di loro.
    Guarda caso nel decreto legge si prevede la non indagabilità fino al 2012 per i vertici della protezione civile, singolare coincidenza questa non le indagini no?
    Infine è abbastanza presuntuoso pensare che gli iuessei si scomodino ad ordinare a dei giudici fiorentini di fare la festa a un comissario della protezione civile italiana che un giorno ha infastidito la clinton.
    La clinton non si ricorderà nemmeno più chi è bertolaso. Insomma ci vuole un senso di proporzione nelle cose: non credo che il tizio che guarda spesso nel mio giardino sia un agente della cia perchè a me non sono simpatici gli iuessei!

  5. per ANDREA
    ———————————————
    Ah, io non dico niente. Ognun per sé e per tutti il Ciel… ;-)

  6. Dici che Bertolaso andando a Yad Vashem potrebbe…

Leave a comment

Your email address will not be published.

*