Salutismo. Salutismo?!?

Ci si ritrova al parco tutte le sere.
Siamo il piccolo popolo dei proprietari di cani, che frequenta il parco per consentire ai nostri quattrozampe di socializzare un po’. Ignoriamo reciprocamente i nostri nomi, l’età, la professione, l’indirizzo — sorta di legione straniera ideale in cui l’unico vincolo che ci accomuna è appunto quello di condividere la nostra esistenza col miglior amico dell’uomo (e della donna, ça va sans dire).
Ieri sera ero nella zona cani con un altro legionario, quando sentiamo un ansare, uno sbuffare penoso che diventa rantolo al di là della siepe. Corriamo a guardare, non si vede niente; leghiamo i cani e ci precipitiamo fuori del recinto per soccorrere la vittima. Continuiamo a sentire i gemiti, ma ancora non riusciamo a scorgere nulla; c’inoltriamo per il sentiero e lì troviamo un tizio sulla cinquantina, pancetta, occhi fuor dalle orbite, paonazzo, che si ammazza di flessioni.
Restiamo lì interdetti, a fissarlo senza capire, finché lui con un filo di voce e una smorfia che vorrebbe essere un gagliardo sorriso dice: «È importante tenersi in forma», e continua a pompare anfanando come un moribondo. Mormoriamo educatamente qualcosa e ce ne andiamo.
Rientriamo nella zona cani senza dire una parola, e senza neppure guardarci in faccia.
Sciogliamo i cani, ci sediamo su una panchina e il mio amico-di-parco tira fuori di tasca un pacchetto di sigarette: me ne offre una in silenzio, in silenzio la prendo e le accendiamo. Ce le siamo gustate fino all’ultimo tiro, senza parlare. Sul viso, una serena complicità.

6 Comments on Salutismo. Salutismo?!?

  1. Sempre in tema… dunque: gli animali.

    “- E il suo pettirosso?
    Solo questo che voleva sapere Lili…
    – La stessa gabbia?
    Sì… sì… la stessa!
    Questo che l’interessava! sta barbarie!… una gabbia così
    piccola!… credo Lili, le tragedie umane ne vedeva tante at-
    torno, che era scontato, tutto voluto, mica da immischiarse-
    ne… mentre le disgrazie delle bestie, nessuno ci faceva attenzione, allora per lei c’erano solo le bestie che esistevano… il tempo è passato, e tante di quelle cose… a riflettere credo che lei aveva abbastanza ragione… ”

    Céline, Nord

  2. Sei molto affettuosa e sono così un po’ più su di morale!
    Per restare in tema… ti segnalo l’esistenza del quotidiano on-line a pagamento http://www.mediapart.fr/
    Marcello Foa l’ha segnalato nel suo blog con parole che fanno supporre un interesse diffuso per l’ipotesi di passare dall’altra parte dello specchio.
    “Fondato nel marzo 2008 dall’ex direttore di Le Monde, Edwy Plenel, Mediapart ora conta circa 30mila abbonati, che però crescono rapidamente”.
    Abbonamento di prova per quindici giorni ad un euro.

  3. per ANDREA
    ——————————————————————-
    Lo so che ci sono anch’io… Ho scoperto di essere come il prezzemolo, o come il buon dio del catechismo — “in cielo in terra e in ogni luogo” :-)
    Insomma sei votato all’estremo sacrificio, eh? :-)))

  4. Ovviamente ci sei anche tu, birichina, cioè “Orion”, assieme a La Grassa, Preve, Tarpley di “estrema destra” (sic!), “luogocomune” di Massimo Mazzucco (c’è da ridere!), “comedonchisciotte”… beh, almeno siamo quattro gatti (tanto per rimanere in tema!).
    Non ne posso più della “sinistra radicale”!
    Sono pronto a votare anche Pd o Udc pur di circoscriverli!

    Controlla…
    http://www.carmillaonline.com/archives/2010/07/003561.html

  5. Benvenuto! Vale la vecchia massima “chi non fuma in compagnia…” :-)))

    OT
    Il clan lo vede soltanto quel tipo lì, che o non capisce o non vuol capire. E a proposito di ideologie, io ormai percepisco soltanto il “color di lontananza” che fu di Guido e adesso è di Francesco… ;-)
    Bello un saggio su “Della crisi del camaleonte e della sociabilità fra animalisti”: dovresti scriverlo!

  6. Bravissima.
    Sei adorabile.
    La terza sigaretta – idealmente fumata assieme a voi – è la mia.

    O.T. – In questo bonario clan rosso-bruno (cfr. nel sito http://www.conflittiestrategie.splinder.com/ l’articolo: “Evangelisti e Vendolax”) non so più che colore assumere…
    “Della crisi del camaleonte e della sociabilità fra animalisti?”

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Perché non voto – 1: Roberto Maroni | Caos scritto

Leave a comment

Your email address will not be published.

*