Marco Maurizi: «Gli stalinisti della bistecca e della vivisezione»

Dal blog Asinus Novus, un ottimo scritto di Marco Maurizi sull’antispecismo.

Parafrasando Lenin, mi è capitato più volte di dire che l’animalismo è (stato) la malattia infantile dell’antispecismo: intendendo con questo che certe intemperanze animaliste altro non fossero che l’espressione viscerale e confusa della più articolata e ragionata formulazione antispecista, appunto.

Da quando, una trentina d’anni fa (“il tempo passa, e l’uom non se n’avvede…”), iniziai a studiare e poi a trattare questi argomenti ne sono cambiate, di cose: e mi fa un certo effetto vedere oggi affrontati a livello così alto gli stessi temi che allora sembravano destinati a restare per chissà quanto tempo sepolti nelle pieghe polverose di poche utopie individuali. È bello vedere che non è così, e che il dibattito si è ampliato sia orizzontalmente — col coinvolgimento di un numero sempre crescente di persone dal vissuto spesso assai distante — sia verticalmente — col concorso e la partecipazione appassionata di tanti ingegni qualitativamente ineccepibili.

Notevole, dunque, lo scritto di Maurizi — col porre l’accento su quella logica del dominio (no, non perversa: semplicemente umana, troppo umana) che ancora rappresenta il nervo scoperto di larghissima parte dell’opinione pubblica e (ciò che è più grave) delle cerchie cosiddette intellettuali: è forse questa la moderna trahison des clercs? Ne sono abbastanza convinta.

2 Comments on Marco Maurizi: «Gli stalinisti della bistecca e della vivisezione»

  1. Marco Maurizi | 4 marzo 2012 at 09:40 | Rispondi

    grazie!
    Bello il tuo blog, si respira tanta cultura, intelligenza e passione. E mo’ mi tocca pure leggermi i post arretrati (che sono tantissimi!!). Perché non mandi qualcosa anche qui per l’asinello? :)

Leave a comment

Your email address will not be published.

*