20 maggio 1915: l’Italia (dicono i politici) è pronta alla guerra

grigioverde_rosso_sangue_400

«Giovedì 20 maggio l’Italia è spaccata in due: i neutralisti tentano ancora di far sentire la loro voce contraria all’impresa bellica che sta per avere inizio, ma gli interventisti premono in senso contrario. Salandra si presenta in Parlamento con un disegno di legge che prevede il conferimento al Governo di poteri straordinari  in caso di guerra: la Camera lo approva con 407 voti favorevoli, 74 contrari e un astenuto — quello del gruppo socialista.»

Leave a comment

Your email address will not be published.

*