Corrida? Non più, grazie

UE-no-corrida

 

Era ora. Finalmente il Parlamento Europeo ha deciso di bloccare le sovvenzioni all’orrore della corrida. Meglio tardi che mai, ma insomma dati i tempi bisogna accontentarsi. E il 28 ottobre 2015 diventa una data storica.

Naturalmente, mi aspetto che si levi alta la voce sdegnata di tutti quelli che se non si riempiono la bocca con la “tradizione” non sanno che dire, poveri; e che confondono disinvoltamente “tradizione” con “abitudine”, “usanza”, “pigrizia” o “vizio”. Ne conosco a carrettate: di norma, sono anche quelli che dicono che il femminicidio non esiste, che la vivisezione è necessaria al progresso della scienza, che l’uomo ha sempre mangiato carne e che se una donna viene stuprata in fondo è perché se l’è andata a cercare. Sia chiaro, non è che dicono tutte queste cose insieme: ma, in genere, chi ne dice una quasi certamente ne dice anche almeno un’altra dell’elenco. Bisogna armarsi di pazienza, e predisporsi in serenità di spirito ad affrontare le loro lamentele prossime venture. Arriveranno, statene certi. Intanto, noi brindiamo con i tori.

Leave a comment

Your email address will not be published.

*