Diritto di resistenza

No, non ho scritto ancora niente sulle dimissioni di Berlusconi e sull’avvento di Monti al governo. E no, non è che non l’ho fatto perché ero impegnata: non l’ho fatto perché, sostanzialmente, la faccenda non mi stupisce. Ammettiamolo: di che cosa bisognerebbe meravigliarsi? Semplicemente, le cose hanno seguito il loro…

Read More

“Una mattina mi son svegliato o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao una mattina mi son svegliato ed ho trovato l’invasor” Il Paese è nel panico, inutile nasconderselo. L’incertezza non è più soltanto nel futuro, ma riguarda il presente, con un’urgenza che finora ci era stata risparmiata. Da…

Read More

Rime per i miei governanti

Dal secolo delle rivoluzioni e dal profondo del mio cuore, un classico del diritto di resistenza. ♥ Amen, with all my heart! Shakespeare, Otello, V, 2. Alla signorina Vera Zassoulitch (anarchica russa) Vorrei che questa mia povera penna fosse un ferro rovente per bollarvi tra gli occhi la cotenna canaglia…

Read More

Torno dalla solita passeggiata al parco, dove ho avuto una lunga conversazione con uno dei legionari più antichi — non un veterano come me, ma insomma un buon frequentatore. Abbiamo parlato di tante cose, come ci càpita sempre, e anche di politica. Secondo lui, dovrei votare. Sa benissimo che non…

Read More

Il pezzo che segue risale al dicembre 2005 (“Orion” n. 255), e si riferisce ai fatti francesi di allora. Ma visto quello che è successo negli ultimi giorni, mi sembra ancora così attuale da poterlo pubblicare tranquillamente. L’unica differenza è che Sarkozy non è più ministro — il che rende…

Read More