Italia

  Alle 2 dopo mezzanotte di lunedì 24 maggio una compagnia di bersaglieri ciclisti, partita da San Pietro al Natisone, si dirigeva verso Caporetto — le poche truppe austriache a presidio della valle dell’Isonzo si erano ritirate sui monti per apprestarvi le necessarie opere difensive. Alle 4 del mattino, il…

Read More

  Domenica 23 maggio l’ambasciatore Avarna di Gualtieri consegna ufficialmente (e suo malgrado) all’Austria nella persona del barone von Burian la dichiarazione di guerra; la conferma dell’avvenuta prassi diplomatica sarà comunicata dallo stesso Avarna a Sonnino in tarda serata. Nello stesso giorno il Regio Decreto n. 675/23.V.1915 istituisce la censura…

Read More

«Giovedì 20 maggio l’Italia è spaccata in due: i neutralisti tentano ancora di far sentire la loro voce contraria all’impresa bellica che sta per avere inizio, ma gli interventisti premono in senso contrario. Salandra si presenta in Parlamento con un disegno di legge che prevede il conferimento al Governo di poteri…

Read More

  19 maggio 1915. L’intervento italiano in guerra è imminente: lo si aspetta, lo si teme, lo si spera — ma certo il popolo non immagina né che è questione di pochi giorni, né che la guerra sarà questione di molti anni e molti morti. Le «radiose giornate di maggio» si sono appena…

Read More

È incredibile come in Italia, oggi, possa dare più scandalo un solo tedesco morto che 13mila americani vivi. http://www.meridianionline.org/2013/10/14/il-pentagono-le-basi-militari-usa-italia/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+meridianionline+%28meRIdiani+-+Relazioni+Internazionali%29

Read More

Chiffons de papier

Era il conte di Bismarck, se non ricordo male, a sostenere che i trattati non sono che chiffons de papier, pezzi di carta. La definizione ha fatto scuola, ed è divenuta lezione. Fra gli allievi più illustri e più ferrati nell’inveramento della teoria, l’Italia: che tiene in non cale l’accordo…

Read More

Che storia, quest’Italia che mostra i muscoli per salvare i suoi soldati… A sproposito, mi viene da dire. Perché questo fatto del firmare accordi e sottoscrivere impegni per poi farne strame non mi piace per niente — anche se si tratta di un costume antico e non soltanto di derivazione…

Read More