Prohibiti

Codex Alimentarius o spada di Damocle?

Ricevo via mail questa notizia che oserei definire allarmante, se non temessi di peccare di eccessivo understatement. Al momento c’è poco da dire, anche se mi sentirei di raccomandare una certa cautela nel parlare di “organizzazione nazista”: personalmente mi limiterei a segnalare che le vie del capitalismo sono infinite, ma…

Read More

Dalla parte di Hamas: «La sinistra e l'appoggio alla resistenza»

In occasione del Forum internazionale di Beirut per la resistenza, l’antimperialismo, la solidarietà tra i popoli e le alternative, tenutosi il 17 gennaio 2009, Nadine Rosa-Rosso — insegnante e militante comunista belga indipendente — ha presentato l’intervento che segue e che mi ha cortesemente permesso di riprodurre. Pur tenendo conto…

Read More

I senzienti non umani e don Cerruto: ovvero gli animali e la Chiesa

Che brutta storia, quella di Modica e del piccolo Giuseppe Brafa, sbranato da un branco di cani randagi. Una cosa terribile. Il fatto è che a me ne vengono in mente anche altre, di terribilità: come, per esempio, il fatto che questi animali fossero famelici al punto di vedere in…

Read More

Le fashion victims dell'esercito israeliano

A giudicare da quello che è autorevolmente scritto qui, gli operatori etici dell’Israel Defense Forces (vorremo mica chiamarli soldati, eh?) sono così fortunati da poter esibire su richiesta magliettine da urlo: per esempio, quella col disegno di una donna palestinese incinta inquadrata da un mirino e la scritta “spari un…

Read More

Ronde? Sì, grazie

Quanto scalpore per questa storia delle ronde. E quanta confusione. Perché quello che più mi diverte di tutta la faccenda, al di là delle proposte di legge e delle controproposte e del modo italianissimo e terribile con cui presumibilmente verrà condotta la cosa, è che l’idea delle ronde proviene da…

Read More

Quanto è passato il Futurismo? Una modesta proposta

Adesso che finalmente si sono spenti i riflettori sulle celebrazioni del centenario del Futurismo, ne parlo un po’ anch’io. Com’è noto, era stato Marinetti stesso a invocare di esser messo da parte, lui e gli altri futuristi, una volta compiuti i quarant’anni. Non lo fece: e la sua immagine in…

Read More

Lasciate morire Eluana Englaro

Non mi capita tanto spesso di avere difficoltà con le parole, ma di fronte a questa tragica farsa che è diventata l’agonia di Eluana Englaro faccio veramente fatica a trovare un modo dignitoso di esprimermi. Non riesco a fare un discorso — mi affiorano alla mente soltanto domande e constatazioni…

Read More

Ai morti di febbraio, 1934-1945

L’inverno 1933-1934 fu rigidissimo, in Francia. Un clima gelido d’insicurezza avvolgeva la nazione: il successo di Hitler in Germania e il fascismo trionfante di Mussolini in Italia facevano invocare a molti un governo forte che risollevasse le sorti della repubblica, provata dagli echi della Grande Depressione americana del ’29 e…

Read More

L'uguaglianza imperfetta dei morti di Gaza

Stavolta l’ameno borgo in cui vivo, sempre pronto a celebrare radiosi venticinqui e lacrimevoli ventisetti (per aver dato alla patria una manciata di giusti, questo paesello vanta ben tre monumenti alla Resistenza; io, per me, di quel periodo preferisco ricordare senza lapidi né cerimonie i sette non del tutto giusti…

Read More